Corso
Elenco corsi a.a. 2014/2015
Anno accademico 2014/2015

Differenze individuali e apprendimento EB1321

5 ECTS
Docente
Sede di Roma
Primo semestre

FINALITÀ

Finalità: Il corso affronta il rapporto sviluppo-apprendimento nei percorsi evolutivi tipici. Dopo un inquadramento a carattere generale, approfondisce la problematica in relazione a due specifici domini conoscitivi: lo sviluppo-apprendimento del sistema di scrittura e del sistema dei numeri. Obiettivi: Al termine del corso lo studente sarà in grado di: - rispondere alle domande-chiave sul rapporto sviluppo-apprendimento; - descrivere i percorsi tipici di sviluppo-apprendimento della lettura e della scrittura; - descrivere i percorsi tipici di sviluppo-apprendimento del calcolo; - descrivere strumenti di valutazione; - descrivere pratiche in grado di sollecitare i processi di costruzione e di co-costruzione delle conoscenze.

ARGOMENTI

a) Sviluppo e apprendimento. 1. Il contributo delle prospettive e degli approcci teorici alla comprensione del rapporto tra sviluppo e apprendimento. 1.1. Costruttivismo piagetiano e pensiero neo-piagetiano. 1.2. Cognitivismo. 1.3. Approccio socio-culturale. 1.4. Modularismo. 1.5. Contributo delle neuroscienze cognitive dello sviluppo. 1.6. Neurocostruttivismo. b) Il sistema di scrittura. 1. Oralità e scrittura. 2. Concettualizzazione del sistema di scrittura. 2.1. Evoluzione degli schemi concettuali della lettura. 2.2. Come rilevare le idee dei bambini sulla lettura. 2.3. Come valutare le competenze dei pre-lettori. 2.4. Come raccogliere e analizzare le scritture spontanee dei bambini. 2.5. Come promuovere le ipotesi sul sistema di scrittura attraverso l’interazione in piccolo gruppo. 2.6. Ruolo e strategie discorsive dell’adulto. 3. Il confronto fra sistemi di scrittura: come analizzare le produzioni scritte dei bambini bilingui. 4. L’apprendimento della lettura e della scrittura: modelli evolutivi a confronto. 5. Differenze individuali e apprendimento della lettura e della scrittura. c) Il sistema dei numeri. 1. I sistemi di notazione numerica. 2. Codici per rappresentare e manipolare le quantità. 3. Lo sviluppo della cognizione numerica. 3.1. Gli “errori” di Piaget. 3.2. Un neonato “matematico”: subitizing e stima. 3.3. Enumerazione e conteggio. 3.4. Lo sviluppo del calcolo. 4. La matematica da strada. 5. Aspetti applicativi. 5.1. Come rilevare le idee dei bambini sui numeri. 5.2. Tedi-Math (Test diagnostique des compétences de base en mathématiques) e la valutazione di enumerazione, conteggio, conoscenza del sistema numerico, operazioni logiche, abilità di calcolo e stima numerica. 6. Potenziare la cognizione numerica da 18 a 36 mesi. 7. Come promuovere le ipotesi sui sistemi di notazione attraverso attività di piccolo gruppo. 8. Differenze individuali e apprendimento del calcolo. Metodi didattici: Nel percorso didattico si alterneranno lezioni frontali ed attività di piccolo gruppo. In particolare, mediante l’analisi di materiale-video, verrà data la possibilità sia di familiarizzare con diverse metodologie di valutazione, sia di conoscere attività di intervento e potenziamento. Per la tematica trattata, il Corso EB1321-Differenze individuali e apprendimento è propedeutico al Corso EB1324 - Differenze e disturbi dell’apprendimento.

TESTI

1. Dispense a cura del Professore; 2. Pascucci M., Come scrivono i bambini. Primi incontri con la lingua scritta (Roma, Carocci 2005); 3. Tomlinson C.A., Adempiere la promessa di una classe differenziata (Roma, LAS 2006). Per approfondire: Karmiloff-Smith A., Oltre la mente modulare. Una prospettiva evolutiva sulla scienza cognitiva (Bologna, Il Mulino 1995); Ferreiro E., Los ninos piensan sobre la escritura (Buenos Aires, Siglo XXI Editores Argentina 2003); Fayol M., L’acquisition de l’écrit (Paris, Presses Universitarie de France 2013); Fayol M., L’acquisition du nombre (Paris, Presses Universitarie de France 2013); Czerniewska P., Learning about writing (Oxford, Blackwell 1992); Hughes M., Children and Numbers (Oxford, Blackwell 1997); Dehaene S., Il pallino della matematica (Milano, Raffaello Cortina 2010); Dehaene S., I neuroni della lettura (Milano, Raffaello Cortina 2009); Butterworth B., Intelligenza matematica (Milano, Rizzoli 1999).