prouniversitate logo8204 

 L’Associazione Pro Universitate Don Bosco

si ispira alla promozione del progetto educativo di San Giovanni Bosco,

come applicato nel contesto culturale, sociale e di studi dell’Università Pontificia Salesiana. 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter, conoscerai le attività dell'UPS.
Privacy e Termini di Utilizzo

fareculturadeldialogo universitàsalesianaSi è svolto ieri, lunedì 29 aprile 2019, nella nostra Università, il secondo appuntamento della Comunità Accademica dell’UPS dal titolo «Fare cultura del dialogo e del reciproco rispetto», moderato da Roberta Gisotti, Caporedattore alla Radio Vaticana e a Vatican News, autrice e consulente Rai.

Roberta Gisotti, docente all’UPS in Economia dei Media, ha sottolineatol’urgenza dell’incontro, alla luce degli ultimi drammatici atti terroristici - per capire il valore inestimabili e della fratellanza umana, in tempi di disorientamento che coltiva in seno ad ambienti - talvolta insospettabili - odi religiosi e razziali e matura gesti folli di negazione della vita”. Da qui l'importanza, da parte dei media e delle Istituzioni accademiche, di dare seguito immediato alla richiesta - contenuta nella Dichiarazione sottoscritta da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar - “di diffondere e riflettere sul documento e sulla sua innovativa portata storica di alleanza fattiva delle religioni per la costruzione del bene comune della convivenza e della pace". 

Il prof. Valentino Cottini, Già Preside del PISAI (Pontificio Istituto di Studi Arabi e Islamistica) e docente di Relazioni islamo-cristiane presso il medesimo Istituto, ha riconosciuto l’impegno che il Pontefice e il Grande Imam si sono assunti per diffondere e far studiare il documento nelle Università. “Negli anni si sono susseguiti innumerevoli incontri islamo-cristiano ma nessuno è stato in grado di incidere a livello della strada, della gente comune, e diventare leggi”. La vera novità della Dichiarazione, firmata lo scorso febbraio, è che per la prima volta “il documento è stato pensato ed è stato scritto insieme, per questo rappresenta l’unica strada percorribile per un reale dialogo religioso costruttivo. Cattolici e sunniti si percepiscono parte della medesima storia, sono consapevoli di condividere un unico destino, che è quello dell’uomo, e rinunciano a percepire l’altro come nemico”.

In segno della fratellanza tra cristiani e musulmani, l’UPS ha pensato di dedicare un momento di lettura di una parte del Documento in lingua araba, a cura di Sana Roffo, giovane studentessa irachena, mentre la dott.ssa Carmen Barbieri, collaboratrice del personale tecnico e amministrativo dell’Università, si è occupata della lettura in italiano.

L’Imam prof. Yahya Sergio Yahe Pallavicini, che oltre ad essere Presidente della CO.RE.IS (Comunità Religiosa Islamica Italiana) ricopre numerosi e prestigiosi incarichi a livello nazionale e internazionale, ha sottolineato l’importanza del contesto all’interno del quale inserire l’ormai storica firma di Abu Dhabi. Il mondo islamico ha vissuto con particolare coinvolgimento i giorni che hanno preceduto l’incontro: “Ad Abu Dhabi sono stati radunati teologi, maestri spirituali, movimenti, al fine di riflettere sulla fratellanza in maniera interculturale e interreligiosa”, per essere attori del cambio di paradigma che si stava realizzando, al di là delle polemiche e delle strumentalizzazioni. “Alcuni hanno ritenuto di rinnegare la potenza del documento utilizzando come pretesto il fatto che «non ci rappresenta»”, a testimoniare che la vera difficoltà risiede nel dialogo intra-religioso. In merito al terrorismo, la Dichiarazione denuncia fermamente “i criminali che giustificano le loro azioni in nome di Dio o dell’Islam o di qualcosa che si pensa di usare per legittimare” comportamenti disumani. Il Documento avvolge in un abbraccio inedito l’Oriente e l’Occidente, il mondo sunnita e la Chiesa cattolica. “Questo passaggio è importante, perché Papa Francesco e il Grande Imam Ahmad Al-Tayyeb dichiarano apertamente di rappresentare tutti i musulmani e tutti i cristiani di Oriente e di Occidente”.

A conclusione della giornata, il Rettore Magnifico dell’UPS, don Mauro Mantovani, ha ringraziato i relatori, la moderatrice e l’intera comunità accademica, rimarcando l’importanza di rendere vivo il documento nelle Università, che hanno il nobile compito di educare donne e uomini alla conoscenza critica, alla fratellanza universale e alla responsabilità verso i più deboli.

 

Galleria fotografica

Fare cultura del dialogo e del reciproco rispetto

Recensioni

RICERCHE STORICHE SALESIANE

Don Bosco per l’alfabetizzazione dei giovani a metà secolo XIXVITO MAURIZIONel contesto del dibattito sulla scuola popolare in Piemonte nella prima metà dell’Ottocento ed in rapporto con alcune esperienze educative...

"ACCIO' CHE MEGLIO SIANO INTESI…

Il volume edita gli Atti dei tre sinodi celebrati da Mons. Giovanni Am-brogio Caccia, vescovo di Castro, diocesi del Patrimonio di San Pietro in Tuscia (oggi incorporata nella diocesi di...

DON BOSCO. STORIA E SPIRITO

Quest’opera è intitolata Don Bosco, storia e spirito. “Storia”, perché la vita e l’opera di don Bosco si sono svolte in un contesto di eventi da cui è scaturita una...

ORDO RATIONIS VIRTÙ E LEGGE. Studio sull…

Nel panorama attuale degli studi di morale tomista, questo testo costituisce per certi versi una novità. Assumendo come riferimento privilegiato l’esposizione della dottrina morale della Summa Theologiae, l’Autore mira a...

I SOGNI DI DON BOSCO Esperienza spiritua…

Il volume contiene una serie di saggi dedicati a studiare, con diversi approcci e da molteplici punti di vista, i sogni di don Bosco. Il tema ha molti motivi d’interesse...




(c) 2005-2014 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®.